Vaticano, scandalo vatileaks 2: due arresti per fuga notizie riservate

Vaticano- inchiesta-VATILEAKS-2
Vaticano- inchiesta-VATILEAKS-2

03/11/2015  ore 11,35

Vatileaks 2, rinnovata azione dei “corvi” in Vaticano per aver passato informazioni riservate a due giornalisti

Vaticano. Una nuova bufera giudiziaria in Vaticano. Il prete spagnolo Lucio Ángel Vallejo Balda e una ex collaboratrice laica Francesca Immacolata Chaouqui, componenti della commissione sulle attività economiche della Santa Sede, sono accusati di aver passato notizie e carte segrete sulle finanze vaticane ai giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, che ne hanno scritto due libri in uscita giovedì. La divulgazione di notizie e documenti riservati è un reato previsto da una legge vaticana del luglio 2013.

Vatileaks 2 è il nome dato all’inchiesta che ha comportato due arresti: il monsignore è stato rinchiuso in cella in Vaticano, e l’ex collaboratrice laica, che però è stata in breve rimessa in libertà perché ha immediatamente collaborato con le indagini.

Vatileaks

Sono trascorsi tre anni e mezzo da quando scoppio l’altro scandalo che porto in cella Paolo Gabriele l’ex maggiordomo papale accusato e condannato (e poi perdonato) per aver prelevato documenti nella segreteria di Benedetto XVI, che aveva passato a Gianluigi Nuzzi per la stesura del libro Sua Santità.

Ora una nuova inchiesta, denominata Vatileaks 2 i cui sviluppi si sono concretizzati tra sabato e domenica, portata avanti dalla Gendarmeria vaticana, che ha fatto emergere la sottrazione e divulgazione nuovamente di carte riservate.

I protagonisti arrestati

Un ecclesiastico, monsignor Lucio Angel Vallejo Balda, spagnolo, 54 anni, dell’ Opus Dei, già segretario della Prefettura degli Affari economici e della Commissione di studio sulle attività economiche e amministrative (Cosea) istituita da Papa Francesco nel luglio 2013 per mettere ordine tra i vari organi che gestiscono i beni e il patrimonio della Chiesa e sciolta dopo il compimento del suo mandato.

Francesca Immacolata Chaouqui, 33 anni, calabrese, rampante lobbista ed esperta di comunicazione, con esperienze nel gruppo Ernst & Young, nominata il 18 luglio 2013, nella Commissione di monitoraggio sui tagli di spesa in Vaticano (Cosea). Nomina avvenuta tra lo stupore perché, unica italiana, donna e tra i laici della Cosea. Spiccava in particolare la sua vicinanza con mons. Lucio Vallejo Balda, legato all’Opus Dei, la Prelatura a cui anche lei si diceva “vicina spiritualmente”.

Oggi alla luce dell’inchiesta Chaouqui accusa monsignore Balda di tirarla ingiustamente in ballo, anche se va rilevato che la conoscenza tra i due è stata determinante per l’ascesa della Pr italo-marocchina e di entrare a far parte della Cosea.

Papa Francesco messo al corrente, approva i provvedimenti

Papa Francesco tempestivamente informato dei provvedimenti della giustizia vaticana ha dato la sua approvazione

Le due pubblicazioni

Il 5 novembre saranno in uscita i due libri: “Via Crucis” di Gianluigi Nuzzi pubblicato da Chiarelettere, e “Avarizia” di Emiliano Fittipaldi, pubblicato da Feltrinelli.

Il mondo verrà messo a conoscenza di scandali e segreti a partire dalle finanze del Vaticano, che si è riservato provvedimenti giuridici anche contro gli autori dei libri e non solo contro le loro fonti, avvalendosi, se il caso lo richiede, alla cooperazione internazionale.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *