Usa. John McCain ha un tumore al cervello

McCain, veterano di guerra, simbolo del patriottismo americano, con il sostegno di repubblicani e democratici, si prepara ad affrontare una nuova “battaglia”: il cancro

Washington. Al Senatore repubblicano dell’Arizona John McCain è stato diagnosticato un tumore al cervello. La notizia è stata divulgata dall’Hospital Clinic Mayo di Phoenix e poi confermata in un comunicato dallo staff del Senatore. Il tumore è stato scoperto dopo un intervento eseguito la settimana scorsa per rimuovere un coagulo di sangue da sopra l’occhio sinistro. Secondo la dichiarazione della Mayo Clinic, McCain ha un tipo di tumore al cervello chiamato glioblastoma. L’American Brain Tumor Association dice che tali tumori sono “di solito altamente maligni, si diffondono rapidamente e sono difficili da trattare”. Secondo Eugene S. Flamm, presidente della neurochirurgia presso il Montefiore Hospital nel Bronx, la sopravvivenza media di una persona dopo lo sviluppo di un glioblastoma è di circa 16 mesi. Uno dei grandi amici di McCain al Senato, il democratico del Massachusetts Edward M. Kennedy, (che aveva un tumore simile a quello diagnosticato a McCain) ha combattuto per 15 mesi prima della sua morte nel 2009. Già in passato, nel 2000, il Senatore dell’Arizona aveva combattuto e sconfitto un tumore alla pelle. I medici del senatore dicono che si sta riprendendo ‘incredibilmente bene’ dall’ intervento chirurgico e la sua salute di base è eccellente. La notizia ha sconvolto i senatori di entrambi i partiti e sono immediatamente arrivate reazioni alla notizia.
La Casa Bianca ha rilasciato una dichiarazione: “Il senatore John McCain è sempre stato un combattente”, ha detto il presidente Donald Trump. “Melania ed io mandiamo i nostri pensieri e preghiere al senatore McCain, Cindy, e tutta la loro famiglia. Guarisci presto.”
L’ex presidente Barack Obama, che aveva sconfitto McCain nelle presidenziali 2008, in un tweet afferma: “John McCain è un eroe americano e uno dei combattenti più coraggiosi che abbia mai conosciuto. Il cancro non lo sconfiggerà. McCain, mandalo al diavolo”.
Il leader repubblicano al Senato McConnell ha detto: “Lui non ha mai evitato una lotta, e so che egli dovrà affrontare questa sfida con lo stesso coraggio straordinario che ha caratterizzato la sua vita. Tutti noi vogliamo vedere ancora questo eroe americano.”
Ieri sera McCain ha chiamato il senatore Jeff Flake, suo collega repubblicano dell’Arizona, per dirgli la notizia. Successivamente Flake ha scritto su Twitter. “La diagnosi è dura, ma l’uomo è ancora più duro.”

La vita di McCain: da soldato a Senatore repubblicano degli Usa
McCain è un forte oppositore di Trump su alcune questioni e non lo aveva appoggiato ufficialmente durante le presidenziali. Molto rispettato dai colleghi, il senatore ha vissuto una vita intensa.
Nato in una famiglia di ammiragli della Marina, John frequentò l’Accademia Navale, si laureò e diventò un membro della Marina. Sopravvissuto a tre incidenti aerei, nell’ottobre 1966 venne spedito in Vietnam per un addestramento a bordo del caccia A-4 Skyhawk. Il 26 ottobre 1967 il suo aereo venne abbattuto sopra Hanoi. Venne catturato nei pressi del lago Truc Bach dai vietnamiti e venne fatto prigioniero. Il periodo di detenzione durò 6 anni. Ritornato in patria ottenne una certa notorietà mediatica. Per la sua esperienza come prigioniero di guerra, fu decorato con: la Silver Star Medal, il Legion of Merit, la Bronze Star Medal, la Navy Commendation Medal e il Purple Heart. Dopo aver seguito un periodo di riabilitazione, John scoprì la passione per la politica. Nel 1982 venne eletto al Congresso dove sostenne l’amministrazione Reagan. Si candidò poi per il Senato per lo stato dell’Arizona e venne eletto nel 1986. Nel 2000, si candidò una prima volta alle primarie repubblicane per la Presidenza; nonostante un buon consenso iniziale ottenuto da McCain in diversi stati, le tornate elettorali videro l’emersione di George W. Bush come candidato vincente del partito. Supportò nettamente sia l’intervento militare statunitense in Afghanistan che la guerra in Iraq; nel 2008 decise di ricandidarsi alla presidenza; riuscì a prevalere sui rivali nelle primarie ma venne sconfitto nel novembre del 2008 da Barack Obama. E’ considerato uno dei politici più influenti ed equilibrati del partito repubblicano. Si è distinto molto per i tentativi di collaborare con i Democratici in un Congresso sempre più diviso.
John McCain è sposato con con l’insegnante Cindy Hensley. La coppia ha tre figli: Meghan, John Sydney IV, James. Proprio Meghan McCain, volto noto della tv come conduttrice di Fox News, ha scritto ieri sera sui social una lettera commovente rivolta al padre:
“La notizia della malattia di mio padre ha colpito ognuno di noi della famiglia McCain. Mia nonna, mia madre, mio fratello, mia sorella hanno tutti subito lo shock della notizia, e ora viviamo con l’ansia su ciò che viene dopo. Si tratta di un’esperienza che noi abbiamo già vissuto durante la precedente battaglia contro il cancro di mio padre – ed è familiare a innumerevoli americani i cui cari sono colpiti con la tragedia della malattia e l’inevitabilità di età. E’ la persona più dura che io sappia. Il cancro lo può affliggere in molti modi, ma non lo farà cedere.”

Il pensiero di McCain sull’Obamacare
Questa triste notizia arriva mentre i repubblicani sono in mezzo a dispute su come abrogare e sostituire l’Obamacare, dopo due tentativi falliti. Soltanto qualche giorno fa John McCain aveva detto: “Mentre questa legge continua a sgretolarsi in Arizona e in tutto il Paese, non dobbiamo ripetere gli errori originali che hanno portato al fallimento di Obamacare. Il Congresso deve ora tornare in ordine regolare, tenere le udienze, ricevere input da membri di entrambe le parti, e ascoltare le raccomandazioni dei governatori della nostra nazione in modo da poter produrre un disegno di legge che preveda per tutti gli americani l’assistenza sanitaria a prezzi accessibili.”

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *