Usa. John Delaney primo sfidante di Donald Trump per le presidenziali 2020

Delaney, un ricco democratico venuto dal nulla, con il motto “Focus on the Future”, punta nel 2020 allo studio ovale della Casa Bianca

Washington. Il Presidente Trump, a 1190 giorni dalle prossime elezioni presidenziali, ha già il suo primo sfidante per la corsa alla Casa Bianca.
Si tratta di John Delaney, rappresentante democratico del 6° Distretto del Maryland, che sta svolgendo il terzo mandato a Capitol Hill.
Delaney, 54 anni, un finanziere fatto da sé, si gettò nella politica come “un uomo d’affari progressista” che rispetta “la forza dell’economia di libero mercato, mentre insiste sul fatto che il governo debba fissare obiettivi, regole e prendersi cura di coloro che si sono lasciati alle spalle.”
Figlio di un operaio del New Jersey, Delaney è uno dei più ricchi membri del Congresso, con un patrimonio netto stimato di oltre $ 90 milioni. E ‘cresciuto in una famiglia dell’Unione nel New Jersey, e nessuno dei suoi genitori ha frequentato l’università. Andò alla Columbia University con l’aiuto di una borsa di studio della International Brotherhood of Electrical Workers, e poi studiò legge alla Georgetown. Ma Delaney ha fatto fortuna prelevando due piccole banche della New York Stock Exchange, e ora ha clienti come il Presidente della Corte Suprema John Roberts.
“So quello che sto per fare. Ovviamente, questo è un impegno molto significativo, ma io davvero credo di avere qualcosa da dire “, ha detto Delaney, aggiungendo: “Così, proprio come il ragazzo in piazza Tienanmen, quando si trovava di fronte al carro armato, non si sa bene come andrà a finire. Capisco che la corsa per la presidenza è una sfida enorme, ma io sono pronto per questo “.

La sua decisione è stata trattata positivamente da alcuni esponenti democratici.
“John Delaney è un eccellente membro del Congresso, e ha già portato nuove idee per la delegazione del Maryland,” ha detto H. Hoyer (D-Md.). “So che sarà lui a portare una prospettiva importante per il dibattito nazionale, mentre ci dirigiamo nel 2020.”
L’annuncio, va a confermare speculazioni che si sono diffuse da più di un anno.
Delaney era stato ampiamente considerato un possibile sfidante del governatore repubblicano Larry Hogan nel 2018. Un sondaggio governatoriale lo aveva considerato vincente in una possibile sfida con Hogan. Nel mese di maggio, dopo che Delaney aveva aperto un ufficio in Iowa, sono iniziate sui media le voci di una sua possibile candidatura alle presidenziali 2020.
Delaney si era candidato per la prima volta nel 2012, quando aveva sconfitto nelle primarie il leader della maggioranza del Senato del Maryland Robert J. Garagiola (D-Montgomery) e poi, aiutato dai nuovi confini del distretto, aveva estromesso il repubblicano Roscoe G. Bartlett, in carica per oltre 10 anni. Il 6° distretto da lui rappresentato si estende dai più ricchi sobborghi di Washington DC nel Maryland alle contee rurali che si affacciano sulla West Virginia. La decisione di ritirarsi dal Congresso e cercare la presidenza ha generato tanta confusione e entusiasmo. Politicamente, il maggiore impatto immediato è stato nella contea di Montgomery, in cui più legislatori statali del Maryland sono già in lizza per il suo seggio.
Il suo motto della campagna, almeno per ora, è “Focus on the Future”. E Delaney sta progettando una campagna incentrata sui problemi derivanti dalla globalizzazione, l’automazione e la tecnologia, i problemi che dice sono sempre stati ignorati in una visione politica nazionale.
Delaney ha annunciato ufficialmente la sua candidatura in una intervista al Washington Post lo scorso venerdi, 30 mesi prima dei caucus in Iowa. Quella di Delaney è soltanto la prima di una lunga serie di candidature alle primarie democratiche che potrebbero vedere 20 o più candidati correre nel 2020, compresi membri della Camera, sindaci ed ex segretari di Gabinetto oltre, come al solito, una serie di governatori e senatori.
La storia però non è d’accordo. Nessun membro della Camera ha vinto la presidenza dal 1880 con James Garfield, e nessun membro democratico della Camera ha messo piede su un biglietto presidenziale dal 1984 con Geraldine Ferraro, che è diventato compagno di corsa di Walter Mondale.
Delaney ha in programma di partecipare all’Iowa State Fair di quest’anno, ma aspetterà la fine delle elezioni mid-term del 2018 per lanciare un evento più grande.
“Capisco la portata di questo impegno”, ha detto. “Non sono particolarmente noto a livello nazionale, quindi devo agire come se fossi un nuotatore a lunga distanza. Voglio entrare in piscina prima.”

Adesso riportiamo integralmente l’intervista di John Delaney al Washington Post:
John Delaney: Why I’m running for president
By John Delaney, a Democrat, represents Maryland’s 6th Congressional District in the House.

“The American people are far greater than the sum of our political parties. It is time for us to rise above our broken politics and renew the spirit that enabled us to achieve the seemingly impossible. This is why I am running for the Democratic nomination for president of the United States.
Our government is hamstrung by excessive partisanship. We are letting critical opportunities to improve the country pass us by. And we are not even talking about the most important thing: the future. The victims of this leadership failure are the good people we are sworn to serve, and we are leaving our country ill-prepared for dramatic changes ahead. The current administration is making us less prosperous and less secure. I’m running because I have an original approach to governing and an economic policy that can put us on a different course.
My vision for the country is based on my own American Dream. I was raised in a blue-collar family; my dad was a union electrician, and my parents didn’t attend college. Because of a great education and a helping hand from others, I was fortunate enough to become a successful entrepreneur. Before age 40, I founded and led as chief executive two publicly traded companies that created thousands of jobs and were admired in the community. I’ve been blessed with a great family and the opportunity to give back through philanthropy and public service. As a progressive businessman, I’ve made it a priority to be solutions-oriented and have been consistently recognized as one of the most innovative and bipartisan members of Congress. I’ve done this by simultaneously celebrating the power of our free-market economy while insisting that there is a role for government to set goals and rules of the road and take care of those who are left behind.

Embed from Getty Images

My focus is on preparing our country for the future. Technological innovation, automation and globalization are the most powerful forces in the world today. These forces have been enormously positive; they will continue to make life better, enhance productivity, solve some of the world’s most difficult problems and open societies. Sadly, these forces will also eliminate certain jobs and require workers to learn new skills more quickly. They will create security risks and strain our resources. We need to respond to these large-scale opportunities and challenges by thinking about policy from a fresh perspective. What are the resources we have, how do we compete and create jobs, how can we ensure that everyone has a fair chance, and how do we protect ourselves?
To do this, we need new infrastructure, which can be paid for using my bipartisan approach to infrastructure and international tax reform. We need to be smarter, fueled by more investment in science, education and research. We need new ideas on the future of jobs and work, one where we build a stronger and more vibrant middle class. We need to encourage a more just and inclusive form of capitalism and reduce barriers to small-business formation, start-ups, job creation, investment and growth. We need to strengthen our safety-net programs and create a new social contract. We need to reform the systems of education, health care and immigration, and encourage more volunteerism, impact investing and public service. And we need to take affirmative steps to reduce our security, fiscal and climate risks. This is what my campaign will be about.
I am optimistic about our future. A future where responsible businesses work with our government to lead the world not only in growth and innovation but also in positive societal change.
The Democratic Party cherishes opportunity over birthright; wants people to earn a good living; offers a helping hand to the poor, the immigrant and those left behind; wants all Americans to have health care; embraces diversity, equality and justice; understands the importance of global engagements; believes that government can do transformative things; and stands ready to provide for our common defense. This is why I’m a Democrat. But we have a lot of work to do, given our recent electoral failures, and we need a different approach — one that’s focused on the facts and the future.
To do this work with the commitment it deserves, I will not be running for reelection to the House of Representatives. No games, no cat-and-mouse, no backup plan at the 11th hour if a focus group goes badly.
My approach goes beyond party and partisanship; I am first and foremost an American. I believe in a common national identity. I love our ambition, our values, what we represent to the world and our ability to use our greatness for a good and noble purpose. It is my love of country that compels me to behave differently in politics — to work to do big things, seek solutions and compromise, respect the privilege of public service and be optimistic about the world.”

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *