Ucraina. Aereo della Malaysia Airlines abbattuto da Buk russo

Ucraina-aereo-MH17-abbattuto-da-Buk-russo
Ucraina-aereo-MH17-abbattuto-da-Buk-russo

12/10/2015 ore 16:47

 MH17 abbattuto da un missile di fabbricazione russa. Si escludono altre ipotesi

L’aereo MH17 delle Malaysia Airlines, che si dirigeva da Amsterdam a Kuala Lumpur, precipitato in Ucraina orientale il 17 luglio 2014, in cui morirono 298 persone, 283 passeggeri e 15 membri dell’equipaggio, per la maggior parte olandesi, è stato abbattuto da un missile terra-aria Buk* di fabbricazione russa, lanciato da un’area dell’ Ucraina orientale in cui erano in corso i combattimenti tra l’esercito di Kiev e i separatisti filorussi. Si escludono ipotesi di bomba a bordo, problemi tecnici dell’aereo, meteorite o uno scontro in aria.

E’ questo l’esito delle indagini, durate 15 mesi, del team internazionale di inquirenti guidato dall’ Ufficio Olandese per la Sicurezza, che è stato presentato in una conferenza stampa, alla base aerea di Gilze-Rijen.

Cosa più aberrante secondo gli investigatori, è che lo schianto del 17 luglio 2014 poteva essere evitato se solo Kiev avesse chiuso lo spazio aereo nelle zone di guerra tra esercito regolare e separatisti filorussi.

Secondo i calcoli emerge che il missile è stato lanciato da un punto incluso in un’aerea di 320 chilometri quadrati nell’Ucraina dell’est, sotto il controllo dei ribelli filorussi.

L’aereo colpito sul lato sinistro della cabina di pilotaggio, si è spezzato in volo a causa dell’esplosione della testata del missile uccidendo all’istante molte delle persone a bordo, mentre le altre sono morte nel giro di pochi istanti. Nessuno dei passeggeri si sarebbe accorto, secondo la ricostruzione, di quello che stava accadendo e non avrebbero sofferto.

I frammenti dell’aereo sono precipitati in un’area di 50 chilometri nella provincia di Donetsk, un’area controllata dai separatisti filorussi.

Contestazioni della Russia e del costruttore dei Buk, e accuse da Kiev

 Mosca, che ha sempre sostenuto di essere estranea all’abbattimento, accusando invece le truppe ucraine, ha prontamente contestato l’esito delle indagini, e ha lamentato di non essere stata coinvolta nelle indagini. E addirittura i dati forniti dalla Russia, secondo il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, per motivi sconosciuti non sono stati mai presi in considerazione.

L’esito delle indagini sono state contestate anche dal produttore di sistemi di difesa antiaerea russo, Almaz-Antey.

Anche l’Ucraina si è fatta sentire. A poche ore dell’annuncio dell’esito delle indagini il premier ucraino Arseniy Yatseniuk ha accusato i servizi segreti russi di aver abbattuto il volo di linea malese MH17 nei cieli sopra i territori controllati dai ribelli filorussi. “Personalmente – ha detto il premier a una riunione del consiglio dei ministri – non ho dubbi che sia stata un’operazione pianificata dei servizi speciali russi mirata ad abbattere un aereo civile”.

Un’altra inchiesta dovrà stabilire chi ha azionato il dispositivo.

 

*Missile Buk terra-aria, un sistema d’arma sviluppato dall’Unione Sovietica e dalla Federazione Russa presente negli arsenali di tutti i paesi dell’ex Patto di Varsavia.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *