Turchia. Polizia occupa due TV vicine all’opposizione

Turchia-polizia-occupa-due-canali-TV
Turchia-polizia-occupa-due-canali-TV

28/10/2015  ore 20,25

Erdogan continua la stretta sull’informazione per garantirsi la vittoria alle elezioni politiche del 1 novembre

La polizia turca, con 50 poliziotti in assetto antisommossa, fa irruzione in due emittenti TV, interrompe le trasmissioni in diretta, e prende il controllo della regia. Si tratta della Bugun tv e Kanaltürk, entrambe di proprietà del gruppo Koza-Ipek, con sede a Istambul, che controlla anche il gruppo editoriale di cui fanno parte i quotidiani Bugun e Millet. Il gruppo Koza-Ipek è accusato di sostenere l’imam Fethullah Gülen (oppositore del presidente Erdogan) che secondo i giudici gestisce dagli USA una rete di ong e mezzi di comunicazione considerate “organizzazioni terroristiche”.

Il bliz è arrivato in seguito alla decisione del tribunale di Ankara di commissariare il gruppo.

Giornalisti, dipendenti e manifestanti che cercavano di difendere l’ingresso della sede che ospita le televisioni sono stati dispersi da lacrimogeni e idranti utilizzati dagli agenti di polizia.

Giornalisti e opposizione non hanno risparmiato critiche a Erdogan, che con la stretta sulla libertà di stampa e di espressione, spera di riconquistare la maggioranza assoluta alle elezioni politiche del 1 novembre.

Paure di Erdogan

Al momento l’AKp di Erdogan secondo i sondaggi è al 42/43%, che potrebbero, visto il sistema elettorale proporzionale, essere non sufficienti per governare. Il 13% dei voti che vengono dati al partito curdo, potrebbero impedire ad Erdogan di oltrepassare il 44% dei voti necessari per ottenere la maggioranza assoluta (276 seggi), e attuare la riforma costituzionale in senso presidenziale a cui ambisce.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *