Terrorismo: Parigi diffonde vademecum “in caso di attentati”

Guida in caso di attacco terroristico
Vademecum in caso di attacco terroristico

04/12/2015  ore 21,25

Divulgato un manifesto ufficiale per spiegare come reagire di fronte ad un attacco terroristico

Dopo 20 giorni dagli attentati di Parigi firmati ISIS e costati 130 persone, la Francia diffonde un vademecum su come comportarsi in caso di attacco terroristico.

Il documento sarà affisso in tutti i luoghi pubblici, quali municipi, prefetture, grandi magazzini, stadi o musei. Il poster sarà trasmesso anche su Internet e sui social per consentire a tutti di vederlo, stamparlo e appenderlo dove utile. Prossimamente sarà pubblicato anche un video.

Come reagire in caso di attacco? Sono tre i consigli basilari forniti dal governo francese, nell’ordine “s’échapper, se cacher, alerter”, ovvero scappare, nascondersi, dare l’allarme.

Reazione in caso di attacco terroristico
Reazione in caso di attacco terroristico

Durante la fuga si raccomanda, se possibile, di aiutare gli altri a scappare, a non esporsi, ad avvisare la gente intorno e a dissuaderli di avvicinarsi al pericolo. Se la fuga è impossibile, si consiglia di barricarsi o nascondersi dietro un ostacolo (un muro, un pilastro), di spegnere la luce e di mettere il telefono silenzioso e senza vibrazione.

Una volta al sicuro, si consiglia di chiamare i numeri di emergenza 17 o 112 , di non correre verso le forze dell’ordine. E’ raccomandato di evitare gesti bruschi e di tenere le braccia alzate, con il palmo delle mani aperte.

Inoltre è opportuno identificare uscite di emergenza quando si entra in un posto, di non diffondere alcuna informazione sugli interventi delle forze di polizia o di non diffondere informazioni non verificate sui social network.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *