Siria: Mosca dice sì a colloqui con USA

jet-russo-in-Siria
jet-russo-in-Siria

10/10/2015 ore 11:22:20

Coordinamento jet su Siria, tra Russia e USA

Dopo l’ok del Cremlino, riprendono i colloqui, che si dovrebbero tenere entro fine settimana, tra gli Stati Uniti e la Russia per raggiungere uno stretto coordinamento delle operazioni militari aeree gestite separatamente in Siria. E’ quanto annuncia il portavoce del Pentagono, Peter Cook, il quale precisa che al centro dell’incontro ci sarà, la distanza tra i velivoli russi e americani e che tipo di linguaggio e frequenze radio debbano essere usati dagli equipaggi.

In precedenza non sono mancati tra i militari dei due Paesi colloqui sulla sicurezza aerea. L’ultimo risale lo scorso 1° ottobre, ma da allora gli Usa lamentano di non aver avuto più contatti con Mosca.

Ad aggravare i rapporti sono stati anche i recenti sconfinamenti dei jet russi nello spazio aereo turco che hanno allarmato, e non poco, gli USA ed i suoi alleati occidentali. A nulla sono valse le giustificazioni di Mosca che hanno sostenuto che si è trattato di brevi e piccoli sconfinamenti.

Accuse dell’Occidente a Mosca

A questi comportamenti si aggiungono le accuse che l’Occidente rivolge a Mosca sul fatto che le bombe dei jet russi siano dirette più verso i ribelli, in armi contro il Governo di Damasco sostenuti dagli Usa, piuttosto che verso i comuni nemici rappresentati dalle milizie dell’ISIS, o Daesh, del Califfato islamico.

Per questo che i colloqui sulla sicurezza dei raid potrebbe essere l’inizio di una possibile svolta nel complesso quadro geopolitico della Siria dove sembrano infiammarsi guerra civile e estremismo islamista.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *