Secondo Minsk 2 a mezzanotte tregua in Ucraina

Ucraina-Minsk-2
Ucraina-Minsk-2

Il mondo intero attende con ansia a mezzanotte il cessate il fuoco in Ucraina, mentre la popolazione ucraina stenta a credere che tutto ciò possa avvenire visto che non ha percepito alcun rallentamento nei cruenti combattimenti. Anche le forze governative hanno denunciato alla Tv ucraina 120 attacchi diversi nelle ultime 24 ore.

L’offensiva dei separatisti filorussi nell’est del Paese è concentrata contro Debaltsevo, lo strategico nodo ferroviario tra Donetsk e Luhansk, entrambe controllate dagli insorti, conteso con Kiev e dove sono accerchiati circa 8000 soldati, sottoposti anche oggi a pesanti bombardamenti. È su questa città che per la sua importanza strategica i separatisti filorussi giocano la loro partita militare, tanto che non intendono rispettare il cessate il fuoco perché gli accordi di Minsk 2 non dicono una parola al riguardo. Ad affermarlo è Oleksandr Zakharcenko capo dell’autoproclamata repubblica di Donetsk, che aggiunge che i miliziani non spareranno sulle truppe ucraine asserragliate a Debalstevo, ma non le lasceranno uscire.

Per il resto il cessate il fuoco concordato giovedì scorso a Minsk, verrà rispettato dai separatisti dell’est ucraino che si sono detti però pronti a reagire ad una sua eventuale violazione.

E intanto gli stessi separatisti prima ancora dell’inizio della tregua, si proiettano alla riforma costituzionale, che secondo quando emerso dagli accordi di Minsk 2, dovrebbe avvenire entro la fine del 2015, e che prevede ampio decentramento a quei distretti delle regioni che sono sotto il loro controllo: Donetsk e Lugansk. Questo potrebbe essere un motivo in più perché i separatisti filo russi rispettino quel tanto atteso cessate il fuoco.

Vladimir Putin firmatario degli accordi di pace di Minsk 2, sembra remare contro un vero cessate il fuoco. Russe sono le unità di artiglieria, compresi sistemi di difesa aerea posizionati a Debaltsevo. Lo riferisce l’ambasciatore degli USA in Ucraina Geoffrey Pyatt con un post su Twitter.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *