Russia:il Parlamento dice sì all’intervento militare in Siria

Russia-dice-sì-all'intervento-armato-in-Siria

La Russia userà le forze aeree in Siria

La camera alta del Parlamento russo ha dato all’unanimità il consenso formale al presidente Vladimir Putin di usare le forze militari in Siria per combattere il terrorismo su richiesta del presidente siriano Bashar Assad.

La ragione alla base della scelta è legata alla sicurezza nazionale della Federazione russa, messa in pericolo dal potenziale ritorno a casa delle migliaia di cittadini russi che si sono arruolati nel gruppi terroristici che combattono in Siria (ISIS e un ramo di Al Qaeda: Al Nusra che compete con l’IS per il territorio, risorse e combattenti). Non si tratta – come precisa qualche funzionario russo– di raggiungere obiettivi di politica estera, come i partner occidentali tendono a pensare, ma solo di garantire la sicurezza nazionale.

Non sono previste operazioni di terra. La Russia userà solo forze aeree in Siria. Lo ha detto il capo dell’amministrazione presidenziale, Serghiei Ivanov che sottolinea che a differenza della coalizione guidata dagli Usa, la Russia è stata invitata a intervenire militarmente dalle autorità governative della Siria e quindi segue il diritto internazionale. “L’obiettivo militare dell’operazione è fornire supporto aereo per le forze governative nella lotta contro lo Stato islamico”, ha detto. Senza rivelare i tempi, i dettagli dell’operazione e il numero degli aerei da guerra coinvolti.

In precedenza, la Russia ha sempre dichiarato di aver fornito al governo siriano armi avanzate e istruttori militari per insegnare ai siriani come usarli.

Foto satellitari di campi militari russi hanno rivelato una natura leggermente diversa da quella dichiarata.

 

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *