Discorso di Papa Francesco all’Assemblea delle Nazioni Unite, New York 25 settembre 2015

Francesco, il Papa politicizzato, viene accolto al Palazzo di vetro, quartier generale dell’ONU, davanti al quale è stata innalzata per la prima volta il vessillo vaticano accanto alle 193 bandiere dei paesi membri

I punti importanti dell’intervento di Papa Francesco

  • Riforma del Consiglio di Sicurezza, degli Organismi finanziari e i gruppi o meccanismi specificamente creati per affrontare le crisi economiche, per consentire a tutti i Paesi, senza eccezione, una partecipazione e un’incidenza reale ed equa nelle decisioni. Riforma dettata per garantire uno sviluppo sostenibile dei Paesi ed evitare, soprattutto per i Paesi in via di sviluppo, una asfissiante sottomissione a sistemi creditizi che pongono le popolazioni in meccanismi di maggiore povertà, esclusione e dipendenza.
  • Il cattivo esercizio del potere politico e economico ha creato ampi settori senza protezione nel mondo: “: “l’ambiente naturale e il vasto mondo di donne e uomini esclusi“. Per questo, “è necessario affermare con forza i loro diritti, consolidando la protezione dell’ambiente e ponendo termine all’esclusione”.
  • I governanti devono fare tutto il possibile affinché tutti possano disporre della base minima materiale (casa, lavoro e terra) e spirituale (libertà religiosa, il diritto all’educazione e gli altri diritti civili) per rendere effettiva la loro dignità e per formare e mantenere una famiglia
  • Difendere l’ambiente e lottare contro l’esclusione esige il riconoscimento di una legge morale inscritta nella natura umana, che comprende la distinzione naturale tra uomo e donna e il rispetto assoluto della vita in tutte le sue fasi e dimensioni. Sono stati citati da Papa Francesco i passi della sua enciclica Laudato si’ ( è insito il riferimento del Pontefice al matrimonio tra un uomo e una donna, e alla contrarietà alla pena di morte)
  • La guerra è la negazione di tutti i diritti e una drammatica aggressione all’ambiente. Se si vuole un autentico sviluppo umano integrale per tutti, occorre proseguire senza stancarsi nell’impegno di evitare la guerra tra le nazioni e tra i popoli”
  • L’adozione dell’ Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile durante il Vertice mondiale che inizierà oggi stesso, è un importante segno di speranza. Confido anche che la Conferenza di Parigi sul cambiamento climatico raggiunga accordi fondamentali ed effettivi

La fine del discorso ha visto i leader della terra alzarsi in piedi e tributare a Francesco, il Papa politicizzato, una prolungata “standing ovation”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *