Migranti: partono i primi 19 “ricollocati” dall’Italia per la Svezia

Primi-profughi-lasciano-l'Italia
Primi-profughi-lasciano-l’Italia

Migranti: parte in Italia il piano della “relocation” disposto dalla Commissione Europea

19 profughi eritrei, tra cui 5 donne, sono partiti stamattina, con un volo umanitario, da Ciampino,a bordo di un aereo della Guardia di Finanza, in direzione Lulea, in Svezia. I migranti erano arrivati all’hotspot di Lampedusa pochi giorni fa, e dopo essere stati fotosegnalati avevano espresso il desiderio di andare a Stoccolma. Il Viminale ha fatto sapere che farà di tutto per accogliere le richieste dei migranti per allentare le tensioni che si sono registrate la scorsa settimana. Infatti i migranti si rifiutano di essere registrati nel timore di essere rimpatriati o di non riuscire a raggiungere la meta prefissata perché costretti a fare richiesta d’asilo in Italia. Ora i ricollocamenti potrebbero convincere i migranti a lasciarsi identificare.

E’ la prima attuazione del piano europeo disposto dall’UE per il ricollocamento dei migranti. Dall’Italia dovranno essere 39.600 quelli che si sposteranno in altri Paesi europei.

A salutare gli eritrei a Ciampino stamattina c’erano il ministro dell’Interno Angelino Alfano, il capo della Polizia Alessandro Pansa, il commissario europeo per l’Immigrazione Dimitris Avramopoulos, e il ministro degli Esteri e degli Affari Europei del Lussemburgo, Jean Asselborn.

Prossima sfida per l’UE sui migranti è siglare accordi di riammissione con i Paesi d’origine.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *