Israele: nuove pene per chi lancia sassi

lanciatore-di-pietre
lanciatore-di-pietre

Il Governo di Israele vara nuove pene per i lanciatori di pietre (palestinesi)

Il premier Benjamin Netanyahu, di fronte al lancio di pietre e bombe incendiarie contro i cittadini israeliani, ha deciso di contrastare il fenomeno con ogni mezzo e di inasprire la legislazione già molto severa. Qualche settimana fa ha convocato il Gabinetto di Sicurezza che ha approvato all’unanimità nuove misure contro i lanciatori di pietre e di bombe incendiarie

Ecco le novità

  • Un agente di polizia può aprire il fuoco non solo se la sua vita è in pericolo, ma anche (è la novità) nel caso sia in pericolo la vita altrui
  • Data l’impossibilità di stabilire se i lanciatori di pietre siano o meno minorenni, la polizia può aprire il fuoco sui lanciatori di pietre, che prendono di mira i soldati o cittadini israeliani. Viene superata la regola che stabiliva il divieto di sparare a minorenni.
  • Può essere utilizzato il fucile Ruger per disperdere i tumulti anche al di fuori della Cisgiordania
  • Le pene passano da un minimo di 4 anni (restano per ora a 3) per il lancio di sassi ad un massimo di 20 anni per il lancio di bombe incendiarie
  • Previste l’aumento di pena pecuniaria portata a 20.000 NIS (5.000 dollari), revoca di benefici sociali di qualsiasi tipo per le famiglie dei lanciatori di sassi, petardi o molotov. Misura prevista per responsabilizzare e sensibilizzare le famiglie arabe nel loro ruolo genitoriale

La decisione di inasprire le pene segue anche le violenze dei recenti scontri sulla Spianata delle moschee di Gerusalemme, e le violenze in Cisgiordania. Anche se la disparità delle forze in campo non giustificherebbe l’inasprimento delle pene. Lo stesso Ministro delle Pubblica Sicurezza, Gilad Erdan, ha fatto sapere che la “sicurezza” è sotto controllo e “non è in corso una Intifada sebbene ci sia stato un leggero aumento nel lancio di pietre e Molotov di recente“. In più c’è da considerare che il governo di Israele ha già incassato un primo assenso su una nuova legge anti-terrorismo

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *