Forza Italia in subbuglio: la senatrice Repetti lascia il partito

 

Secondo la lady Bondi, il progetto liberale intrapreso da Berlusconi è fallito.

La senatrice azzurra Manuela Repetti, compagna dell’ex ministro Sandro Bondi, ha annunciato di abbandonare Forza Italia a causa delle troppe “faide interne” il cui unico fine è quello accaparrarsi il lascito politico. Vani sono stati i tentativi di ricucire lo strappo da parte dell’ex premier Silvio Berlusconi, che stamattina ha incontrato nella sua residenza ad Arcore la senatrice in presenza del suo compagno Sandro Bondi, uno dei più fidati e leali suoi collaboratori in Forza Italia.

La comunicazione, in cui vengono spiegate le motivazioni del suo addio, è contenuta in una lettera fatta recapitare al Corriere della Sera.

Secondo la parlamentare Manuela Repetti , Forza Italia sta vivendo una profonda crisi per diversi motivi, tra cui l’azzoppamento del presidente Silvio Berlusconi, con la conseguenza di un centro destra senza punti di riferimento. L’arrivo di Renzi a capo del Pd, ha destabilizzato tutti i giochi, perché la sua personalità ricca di sfumature gli consente di fuoriuscire dal recinto del centro sinistra e attirare consensi anche nel centro destra. E all’interno di Forza Italia, precisa la senatrice, è in atto una vera e propria guerra per la successione.

Ma l’affondo più duro c’è stato quando la senatrice, nell’esprimere il suo dissenso politico nei confronti di Forza Italia senza alcun margine di ripensamenti, parla di un fallimento della rivoluzione liberale, principio ispiratore del partito, intrapresa solo in parte. Tentando poi di risalire alle ragioni del “fallimento”, tra cui l’accanimento giudiziario nei confronti di Berlusconi, e i condizionamenti degli alleati, che nonostante tutto continuano a inseguire Forza Italia, pur nella loro abissale diversità.

Non sorvola poi le diverse posizioni interne alla classe dirigente – animata da interessi corporativi e non più da una progettualità liberale – che oggi di fatto controlla Forza Italia. Questi motivi spingerebbero la senatrice Repetti a lasciare il gruppo di Forza Italia e di iscriversi al Gruppo misto al Senato.

Il sentimento che alberga la mente della senatrice sembra che sia maturato gradualmente, da quando la linea di Forza Italia non era più dettata dal suo leader Silvio Berlusconi, ma da chi lo circondava, il famoso cerchio magico. I recenti commissariamenti sarebbero – secondo la senatrice – solo il risultato di rese dei conti che daranno ancora altri frutti amari. In effetti, prima il commissariamento in Puglia, poi la rimozione dei coordinatori fittiani di Verbania e Torino, tutti decisi da Roma, fanno presagire l’inizio di un declino quasi annunciato.

Anche la recente sfida lanciata da Raffaele Fitto a Berlusconi, nella convention dei “Ricostruttori “ di Forza Italia, conferma la profonda crisi che sta attraversando gli azzurri.

Chi frequenta gli ambienti di Forza Italia, non può nascondere il fatto che già dall’insediamento di Matteo Renzi, l’ex cavaliere Silvio Berlusconi sarebbe alla ricerca del suo successore, possibilmente un quarantenne.

Forse ha capito che non può più competere con il giovanilismo e l’energia di Matteo Renzi ?

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *