“Colombia: il difficile cammino verso la pace”

In Colombia, la FARC consegna le armi e si trasforma in un partito politico. A galla viene il problema della redistribuzione delle terre una volta controllate dal gruppo

Il 16 Agosto del 2017 potrebbe essere ricordato come un giorno memorabile nella recente storia della Colombia. Con la consegna delle ultime armi infatti, si conclude lo storico processo di abbandono della lotta da parte delle FARC (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia): un conflitto che, in quasi 53 anni, ha causato la morte di oltre 250.000 persone e 10 milioni di sfollati interni. “È l’inizio di una nuova fase per il paese” ha commentato il presidente colombiano Juan Manuel Santos.
Adesso, in base agli accordi di pace siglati lo scorso novembre, comincerà la verifica da parte delle Nazioni Unite del reinserimento delle FARC nella vita politica, economica e sociale del Paese. Un reinserimento che si prospetta però tutt’altro che semplice. La maggioranza dell’opinione pubblica colombiana non ripone una fiducia effettiva negli accordi, una diffidenza esternata pubblicamente con la bocciatura dei Trattati nell’ottobre scorso. Dall’altro lato, il governo colombiano si trova a dover affrontare un momento molto complesso. All’eterna lotta contro le coltivazioni di droghe illecite, si aggiunge ora la complessa questione della ridistribuzione delle terre un tempo controllate dal gruppo ribelle e il risarcimento alle milioni di vittime del conflitto.
A tutto ciò bisogna aggiungere un fatto molto importante: l’ex gruppo guerrigliero ha deciso infatti, una volta deposte le armi, di trasformarsi in un partito politico a tutti gli effetti, per continuare così la propria “battaglia sociale” fra i banchi del Parlamento della Colombia. I dubbi che ruotano intorno a questo processo di trasformazione riguardano la modalità di partecipazione del gruppo nelle diverse contese elettorali – da quelle presidenziali alle legislative – del prossimo anno, con le ipotizzabili alleanze con altre forze politiche ma soprattutto sarà cruciale esaminare il lavoro che il gruppo svolgerà, o meglio riuscirà a svolgere, all’interno delle istituzioni pubbliche colombiane.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *