Catalogna, vincono gli indipendentisti ma non raggiungono il 50%

Catalogna-elezioni-2015

Indipendentisti 72 seggi su 135 – Voti pari al 47,8% – Affluenza record che ha toccato il 77%.

La Catalogna oggi si sveglia più indipendente. Le due liste secessioniste Junts Pel Sì di Mas (62 seggi) e quella della Cup (10) hanno insieme una maggioranza assoluta di 72 seggi su 135 nel nuovo Parlamento catalano, ma il mancato superamento del 50% dei voti totali, con un’affluenza da record pari al 77% (9 punti sopra quella del 2012), è un segnale altrettanto netto: la maggioranza dei catalani, almeno per ora, non vuole staccarsi da Madrid.

E altrettanto chiaramente il voto è una batosta per i Popolari del premier Mariano Rajoy, protagonista di una strategia di scontro totale con Mas, sceso abbondantemente sotto il 10%. Infatti il Pp ottiene solo 11 seggi (-8) con l’8,45% dei voti, superato dai socialisti del Psc (12,8% e 16 seggi) e la lista di Podemos (8.9% e 11). Anche il partito dei post-indignados di Pablo Iglesias subisce una netta sconfitta. Il partito moderato anti-sistema e anti-secessione Ciudadanos di Albert Rivera, che aspira a superare il Pp di Rajoy alle politiche spagnole di dicembre, registra invece un evidente successo e arriva secondo con 25 seggi e il 18% dei voti. Un altro risultato che potrebbe giocare un ruolo destabilizzante per il futuro politico dello stesso Rajoy alle prossime legislative di dicembre.

I prossimi giorni saranno carichi di trattative fra le due liste secessioniste per la formazione di un governo per l’indipendenza.

E ora, nonostante la vittoria amara degli indipendentisti, Madrid dovrà iniziare a dialogare con la Catalogna alla ricerca di un nuovo bilanciamento di poteri e di autonomie nei confronti della regione catalana. Il rischio palese, di fronte alla mancanza di risposte adeguate di Madrid, potrebbe essere quello di una radicalizzazione delle posizioni più moderate in Catalogna rispetto all’autonomia.

Il risultato in Catalogna ha creato esultanza nelle “piccole patrie” nell’UE

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *